Anatocismo e Usura nei mutui bancari – La tutela del contraente debole – Nuove strategie processuali e aperture giurisprudenziali. Evento formativo, Corte Suprema di Cassazione, 15 marzo 2019.

Anatocismo e Usura nei mutui bancari – La tutela del contraente debole – Nuove strategie processuali e aperture giurisprudenziali. Evento formativo, Corte Suprema di Cassazione, 15 marzo 2019.

Data evento 15/03/2019 Luogo evento Corte Suprema di Cassazione - Aula Avvocati

Si terrà in data 15 Marzo 2019 dalle ore 13:00 alle ore 16:00 presso la Corte Suprema di Cassazione “Aula Avvocati”, il convegno con il tema “Anatocismo e usura nei mutui bancari – La tutela del contraente debole – Nuove strategie processuali e aperture giurisprudenziali”.

Evento tenuto dal Prof. Avv. Bruno Spagna Musso, già Magistrato e Componente delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, dal Prof. Antonio Annibali, Porfessore Ordinario di matematica finanziaria presso l’università deli studi di Roma La Sapienza, dal Dott. Gennaro Baccile, Economista giunimetrico e Presidente On. “SOS Utenti”, dal Dott. Domenico Provenzano, Giudice del Tribunale di Massa, dall’avv. Vincenzo Cancrini, Patrocinante in Cassazione e Responsabile dell’Osservatorio giuridico “Banche e Poteri” e dal Dott. Mario Rosario Morelli, Vice Presidente della Corte Costituzionale.

Indirizzo di saluto: avv. Antonino Galletti, Presidente dell Ordine degli Avvocati di Roma.

Introduce e modera il Dott. Mario Rosario Morelli, Vice Presidente della Corte Costituzionale.

Temi di discussione:

-Principi di trasparenza, correttezza e buona fede nei finanziamenti;

-La scienza matematica e l’accertamento anatocistico nei piani di ammortamento alla francese;

-Esemplificazioni di giurimetria bancaria in tema di mutui e conti correnti;

-La recente sentenza del 13 Novembre 2018 del Tribunale di Massa sull’ammortamento alla francese;

-Valutazione critica delle nuove aperture giurisprudenziali in tema di anatocismo e usura bancaria;

-Conclusioni e Coordinamento Dibattito.

 

Allegato: Apri l'allegato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *